Questa squadra opererà una “politica dei fatti” profondendo il massimo impegno, nel rispetto del presente Programma Elettorale.
Continueremo il dialogo con la gente attraverso l’ascolto, il confronto e la definizione delle priorità.
Ogni assessorato seguirà una “Procedura Operativa” per realizzare le attività programmate.
In ordine ai servizi alle persone, sarà posta la massima attenzione al corretto funzionamento delle quotidiane attività degli uffici comunali al fine di rendere più agile ed esaustivo il contatto quotidiano tra cittadino e municipio.
Gli strumenti elettronici (firma digitale, pec, albo pretorio on line, autocertificazione, etc.) saranno sempre più efficientemente utilizzati.
Particolare attenzione sarà posta alla gestione delle risorse umane per migliorare i risultati in termini di efficienza, efficacia e di economicità, valorizzando le professionalità per un adeguato utilizzo rispetto alle esigenze gestionali della macchina burocratica comunale.
Bisognerà procedere al continuo monitoraggio della pianta organica, implementandola con le figure di cui attualmente l’Ente necessita, mediante concorsi pubblici o procedure di mobilità.
-15-
Ciò reso anche possibile dal recente sblocco del turn over della pubblica amministrazione stabilito dal Governo centrale, con possibilità di coprire fino al 75% dei posti vacanti in pianta organica del Comune. Ci si adopererà anche per risolvere, in via definitiva ed appena possibile, l’annosa questione dei lavoratori socialmente utili, mediante la loro stabilizzazione, nel rispetto della vigente normativa.
In una logica di relazioni sindacali corrette ed idonee, atte a determinare un fruttuoso rapporto collaborativo nell’interesse generale del personale e dell’Ente, saranno utilizzati adeguati programmi di aggiornamento professionale.
Sarà creato un gruppo di lavoro con il compito di ricercare e reperire finanziamenti comunitari a “gestione diretta” finalizzate ad iniziative di lavoro e alla realizzazione di opere e programmi in generale.
Sarà istituito un “fondo” per realizzare attività sociali e di solidarietà in favore delle fasce di popolazione meno abbienti che troverà copertura economica con le somme destinate al compenso del Sindaco, il quale vi rinuncerà per tutta la durata del mandato amministrativo.