Nessuna amministrazione potrà mai prescindere da una corretta programmazione urbanistica, se vorrà garantire all’utenza servizi efficienti, certezza dei propri diritti ed un compiuto e concreto senso di legalità.
L’assetto urbanistico del territorio ed una conseguente programmazione degli interventi nell’ambiente, saranno preciso e pressante impegno lungo tutto l’arco dell’amministrazione a salvaguardia della salute pubblica e degli obiettivi prefissati.
In tale contesto si inserisce il “Piano Urbanistico Comunale” – PUC – che come strumento urbanistico generale del Comune disciplina la tutela ambientale, le trasformazioni urbanistiche ed edilizie dell’intero territorio comunale, anche mediante disposizioni a contenuto confermativo del diritto di proprietà”

Il percorso per l’approvazione del PUC, già intrapreso, sarà possibile completarlo nel primo semestre di amministrazione

Continueremo, con l’attenzione già dimostrata, al recupero degli insediamenti abusivi, nel rispetto della normativa vigente.
Il fenomeno dell’abusivismo andrà combattuto strenuamente, tanto da giungere a debellarlo definitivamente, al fine di assicurare la presenza sul territorio solo di legittime unità abitative e produttive.
Nell’ambito della programmazione urbanistica, rilievo continuerà ad essere attribuito all’edilizia pubblica; abbandonata da anni è stata oggetto di interventi radicali che hanno visto il recupero, tra tutte, anche della ex scuola media, presso la quale sono stati realizzati ed ultimati n.15 alloggi che saranno assegnati a coloro che avranno i requisiti di legge, alla stregua della normativa regionale e nazionale e sotto la supervisione delle autorità competenti al fine di assicurare una limpida e lineare procedura amministrativa.
Per quel che attiene l’area industriale “Moccia” l’amministrazione si adopererà per individuare possibili riconversioni eco-compatibili, di concerto con la proprietà, cui compete.
L’amministrazione si impegnerà a realizzare l’opera di messa in sicurezza dei corsi d’acqua interni (cd. Valloni) grazie al finanziamento in tal senso richiesto ed ottenuto dalla precedente amministrazione.

Sarà seguita con professionalità e dedizione la procedura già in corso di finanziamento per l’ammodernamento e la messa in sicurezza del Santuario dell’Addolorata in modo da poterlo restituire alla collettività pienamente fruibile compatibilmente con i tempi necessari per il completamento dell’iter procedurale intrapreso col Ministero dell’Ambiente. All’uopo , però, non saranno trascurate altre possibili linee di finanziamento per la realizzazione di tale indispensabile intervento.